benessere 3

La celiachia

Scritto da
Valuta questo articolo
(2 Voti)

Può essere ormai tranquillamente classificata come una malattia, autoimmune, molto diffusa nei paesi industrializzati, benchè non si manifesti sempre con sintomi chiari. Prevalentemente è caratterizzata da un'infiammazione dell'intestino tenue, comportando svariate conseguenze (diarrea, dimagrimento, pallore, astenia, inappetenza).

Nei bambini si manifestano anche vomito, gonfiori addominali e dolori. Se tali sintomi fossero trascurati e non trattati, eliminando dalla dieta l'assunzione di glutine (che troviamo in alcuni cereali come frumento, orzo e segale) si verificherebbero nei più piccoli, diabete giovanile, artrite reumatoide, tiroiditi, fratture ossee, ma anche anemie, dolori muscolari, difetti della crescita.

Negli adulti la sintomatologia a volte è confusa con i sintomi del colon irritabile, come la stipsi o il sovrappeso. L'unica terapia da seguire è la dieta priva di glutine per tutta la vita e senza interruzioni.

Per la diagnosi è necessario un prelievo sierologico ed il dosaggio delle immunoglobine Iga totali. Un nuovo test, molto adatto ai bambini, ma può essere effettuato anche sugli adulti, è quello della saliva, attendibile al 90%. In caso di positività al test, è necessario sempre procedere con un esame del sangue, in quanto quello della saliva resta uno screening per ricerca di soggetti potenzialmente affetti da tale malattia.

Un convegno tenutosi al Policlinico Umberto I di Roma nel maggio 2016, ha presentato i risultati di un progetto dedicato allo "screening della celiachia nelle scuole primarie con metodo non invasivo". Tale progetto ha visto coinvolte diverse scuole primarie della Provincia di Roma, che per mezzo del test della saliva, ha dato il via ad una nobile iniziativa, che ha riscosso molto successo.

Per effettuare il test della saliva (c/o il Policlinico) non è necessario il digiuno, è possibile nei giorni 29 Settembre, 27 ottobre, 24 novembre e 22 dicembre 2016. Tale iniziativa è aperta anche agli adulti.

 

Letto 490 volte
Altri alrticoli in questa categoria: « Il Mirto Il pesce di mare nella cucina italiana »

Lascia un commento