benessere 3

Il panettone

Scritto da
Valuta questo articolo
(3 Voti)

Tipico dolce della tradizione milanese, oggi è ormai un simbolo del Natale ed è ampiamente diffuso in Italia. Le sue origini sembrano trovarsi in due storie dai contorni molto vicini ad una leggenda.

Si rimanda infatti ad un falconiere milanese, Messer Ughetto degli Atellani che, innamorato di Algisa, bellissima ragazza, figlia di un fornaio, iniziò a lavorare come garzone; quì, Messer Ughetto, provò ad inventare un dolce con ingredienti molto semplici: farina, uova, burro, miele ed uva sultanina. Ne risultò un pane delizioso che ebbe incredibile successo. Poco tempo dopo i due innamorati si sposarono e vissero felici e contenti.

Un'altra leggenda riporta ad un cuoco che prestava il suo servizio presso Ludovico il Moro e fu incaricato di preparare un pranzo per il Natale, dove erano stati invitati molti nobili; Purtroppo dimenticato il dolce

in forno, Toni, un piccolo servitore, provò a farne un altro con quanto vi era in dispensa: quindi farina, burro, uova, cedro ed uvetta. Il cuoco, molto titubante, lo servì a tavola temendo quali sarebbero potute essere le reazioni, ma fu un vero successo. Il duca chiese di sapere il nome di quella specialità ed il cuoco rispose che si trattava del "pane di Toni", così il panettone.

A Milano ancora oggi vi sono artigiani che producono un panettone seguendo la ricetta tradizionale. Dal 1950 si è espansa la produzione di panettoni a livello industriale in tutta Italia con esportazione all'estero. Esso è il risultato di un impasto lievitato a base di acqua, farina, burro, tuorlo d'uovo, canditi, cedro ed uvetta. A Milano vi è anche l'usanza di far benedire il giorno di San Biagio i panettoni avanzati dal Natale e di consumarli come buon auspicio contro i malanni della gola.

Letto 429 volte
Altri alrticoli in questa categoria: « I "folli vizi" delle star Il Nergi »

Lascia un commento